Poggio Bustone

Fotografie del santuario

È là che Francesco ha visto l’inizio della sua avventura comunitaria: la condivisione e l’armonizzazione delle relazioni tra i fratelli e la creazione della prima fraternità francescana. In quel luogo inoltre, nello Speco superiore, ha luogo la vera nascita spirituale di Fran­cesco, quando, nell’abbandono della fede, egli prende coscienza che, proprio lui peccatore, è perdonato e amato da Dio.


Attenzione
La foresteria con le camerate per ospitare i pellegrini riaprirà dopo Pasqua.


Orario delle visite al Santuario:
Tutti i giorni compresi i Festivi dalle ore 8.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00 (inverno 18,00)

Orario della preghiera:
Giorni feriali
Lodi Mattutine ore 7,30
S. Messa ore 8,00
Vespri ore 19,00

Giorni festivi
Lodi Mattutine ore 7,30
S. Messa ore 16,00 (orario legale 17,00)
Vespri ore 19,00

Nel periodo estivo (Giugno-Settembre) la S. Messa viene celebrata alle ore 19,00

Per prenotazioni o altre informazioni:
Tel. 0746.688916 – Vedi il santuario sulla mappa

Ulteriori informazioni

Ospitalità
-Il Santuario dispone di una doppia foresteria: l’oasi del Perdono, riservata a gruppi di giovani adulti in autogestione per esercizi spirituali o ritiri, dotata di 7 stanze (2 quadruple, 4 triple e 1 singola) con bagno interno, e di un refettorio e una cucina attrezzata.

-La foresteria Filippo Longo riservata ai pellegrini dei diversi cammini o gruppi di giovani per camposcuola, dispone di 30 posti letto suddivisi in tre grandi stanze, bagni in comune, e un refettorio con cucina.

-Il Santuario accoglie anche persone per un solo giorno che necessitano di una sala per il pranzo a sacco.
Gli ospiti-pellegrini debbono portare con sé le lenzuola e gli asciugamani.

-È necessario prenotare l’utilizzo della Foresteria almeno con un mese di anticipo, lasciando un recapito telefonico o l’indirizzo mail.

-Si consiglia di contattare i frati per la prenotazione durante le ore dei pasti.

-La foresteria è chiusa dal 1° ottobre al 1° maggio.

Storia
A Poggio Bustone s. Fran­cesco vi giunge con i suoi primi compagni nell’ estate del 1208, quando per la prima volta quel drappello di penitenti di Assisi, si affacciò sulla Valle reatina. Fino a quell’anno Francesco è rimasto ad Assisi: città natale e ostile insieme.

La loro scelta non è compresa, anzi ostacolata. Lasciata quindi la loro città e attraversando la Valle spoletana per salire a Cascia e a Leonessa, la piccola fraternità arriva nella Valle reatina. Francesco è trava­gliato e inquieto e pensa alla sua vita trascorsa nei peccati, come scriverà nel Te­sta­mento pochi giorni prima di morire nel 1226. Giunge quindi a Poggio Bustone, possedimento dei Benedettini di Farfa.

Con i suoi, Francesco saluta: Buon giorno, buona gente! Saluto semplice e toccante. Francesco vaga lungo i sentieri aspri del monte. Cerca un luogo deserto e nascosto dove potersi abban­donare al misto di dolore e di gioia che lo pervade. Si rifugia nel grembo della terra, e .qui accade l’insperato. Il Signore gli usa misericordia, lo veste del suo amo­re, crea in lui un cuore puro e lo lancia verso il futuro. La tradizione narra che al Poverello sia apparso un angelo.

Tornato dai suoi fratelli, France­sco dovette apparire semplicemente libero, luminoso, pacificato. Che cosa sia successo, è conosciuto a lui solo. Ora Francesco può inviare i suoi frati a predicare a tutte le creature che “Dio solo è buono. Temete e onorate il Signore Dio, l’Al­tissimo” (Cfr. RnB XXI, 2 FF. 55).

La Chiesa
Essa è dedicata a s. Giacomo il Mag­giore ed è una costruzione semplice ma armonica, edificata verso la fine del sec. XIV. Dopo vari rimaneggiamenti, con alcuni interventi fatti nel 1948, dal 2009 dopo importanti restauri, è stata riportata allo stile primitivo.

Il portico è di recente fattura. Entrando a sinistra si notano affreschi moderni rappresentanti s. Francesco e i suoi primi frati, dell’artista brasiliano Bandeira De Mello (1963). A destra notiamo subito in copia una tavola del XIV-XV sec. raffigurante la Ma­donna con Bambino e s. Giuseppe e in alto due angeli in adorazione (secolo XVII); sotto è riprodotto il ca­stello di Pog­gio Bustone su cui vigilano s. Fran­ce­sco e s. An­tonio. Nel­­la stes­­sa pa­rete si notano anche frammenti di pittura seicentesca.

Artistiche vetrate com­pletano l’edificio. Il coro ligneo, riservato alla preghiera dei Frati, risale al XVII sec. Sul presbiterio una statua in resina di San Francesco del maestro Piero Casentini (2011) e sospeso nell’arco immediatamente sopra l’altare una croce dipinta opera del maestro iconografo Luisanna Garau (2012).

Il Convento
Uscendo a destra della chiesa, ci inoltriamo nel Convento, Incontriamo innanzitutto il chiostro, un portico a quadrilatero, tipico di queste co­struzioni.

La parte che fiancheggia la chiesa è del sec. XIII e immetteva nella primitiva chiesetta. Sempre nel chiostro si può ammirare un affresco della Ma­donna con Bambino del XV sec. di scuola umbro-toscana. Alzando lo sguardo alle lu­nette del XVII sec. che percorrono tutto lo spazio, riconosciamo alcune scene della vita di s. Francesco.

Nel sec. XIV si aggiungono altri locali a piano terra. Scendendo dal chiostro verso il Romitorio si può vedere un antico refettorio con affreschi del XVII sec. raffiguranti l’Im­macolata, un’ultima cena e alcuni santi francescani.

Santuario Inferiore
Siamo giunti, passando per l’antico convento, al Romitorio già esistente e messo a disposizione di s. Francesco e dei suoi frati dai monaci benedettini. È stato identificato nel 1947 e restaurato. Si riconosce con un’antica e rozza costruzione. Strut­tura mu­raria povera e rozza completano con la roccia il perimetro occupato per la lun­ga preghiera e il breve son­no del Santo. Alle due primitive finestrelle sono state apposte due artistiche vetrate.

Santuario Superiore
Per accedere poi alla grotta delle Rive­lazioni (o Santuario superiore) si ritorna al piazzale e si percorre un sentiero segnalato per circa 30 minuti. Lungo il ripido sentiero che ci fa salire di 400 metri, sono state costruite nel sec. XVII sei cappellette a ricordo di vari episodi, trasmessi dalla tradizione popolare e accaduti al Santo nelle frequenti ascese al luogo di preghiera.

La Grotta si presenta oggi racchiusa in una costruzione assai rustica, risalente a due epoche diverse: la parte in prospettiva è del 1634, la parte posteriore che copre la Grotta, risale ai primi anni del sec. XV.

Tem­pietto della Pace
Sempre sul piazzale si può ammirare il Tem­pietto della Pace, costruito dall’architetto Carpiceci con all’interno una statua in marmo bianco di san Francesco dello scultore Lorenzo Ferri.

Infine possiamo notare un monumento in bronzo del prof. Ronchi, che raffigura l’an­gelo che si china su s. Francesco.