Fonte Colombo

Fotografie del santuario

Fontecolombo Qui egli ha ricevuto le cure mediche dell’epoca per la sua malattia agli occhi: la cauterizzazione degli occhi. Francesco familiarizza con “Frate Focu”, robusto e giocondo, ma anche crudele all’occasione. Fontecolombo è innanzitutto il posto dove Francesco, tre anni prima della sua morte, mette mano alla redazione definitiva della Regola dei Frati Minori.


Orario delle visite al Santuario:
Tutti i giorni compresi i Festivi dalle ore 9,00 alle 12,00 e dalle 15.00 alle 19.00

Orario della preghiera:
Giorni feriali:
ore 7:00 – Ufficio delle Letture
ore 7:30 – Lodi
ore 19:00 – Eucarestia
ore 19:30 – Vespro

Giorni festivi:
ore 7:30 – Lodi
ore 8:00 – Eucarestia
ore 10:30 – Eucarestia
ore 17:00 – Eucarestia
ore 19:30 – Vespro

Speciale – tutti i Giovedi:
ore 19:00 – Eucarestia e Vespro inserito, a seguire, Adorazione Eucaristica

Per prenotazioni o altre informazioni:
Tel. 0746.210125 – santuariofontecolombo@gmail.comVedi il santuario sulla mappa

Ulteriori informazioni

Ospitalità
Presso il Santuario, abbiamo la possibilità di ospitare per momenti di riflessione e lavoro insieme ai frati, persone singole e gruppi per un totale di 25 stanze.
I servizi igienici sono in comune.

L’offerta per l’accoglienza è libera.

La foresteria è dotata di sale per incontri, una cappella per la preghiera, una cucina attrezzata per le refezioni comuni.

Gli ospiti-pellegrini debbono portare con sè le lenzuola e gli asciugamani.

L’accoglienza stabile è consentita a tutte le persone che abbiano compiuto almeno 17 anni.

L’accoglienza-visita al Santuario di un solo giorno è aperta anche ai bambini e agli adolescenti.

E’ necessario prenotare l’utilizzo della Foresteria almeno con un mese di antecedenza, lasciando un recapito telefonico o l’indirizzo mail.

Si prega di contattare i frati per la prenotazione durante le ore dei pasti (12.30-13.30 / 20.00-21.00).

Storia
Appeso alla scarpata del piccolo monte, affacciato sulla Valle reatina, vi si avverte una presenza suggestiva. Francesco ha amato questo luogo. Ospite dei monaci di Farfa, vi trova una minuscola cappella, dedicata a Santa Maria e detta della Maddalena.

Varie volte era salito sul Monte Rainiero, da lui ribattezzato Fons columbarum, dalla fonte che è posta ai suoi piedi, e alla quale aveva visto abbeverarsi delle piccole colombe.

Nel settembre del 1223, Francesco sale a Fontecolombo con frate Leone, Bonizio da Bologna e qualche altro: in questo mese mette le mani alla stesura definitiva della Regola scritta per i suoi Frati, approvata il 29 novembre 1223 da papa Onorio III e ancor oggi valida per tutti i frati minori.

Fontecolombo è testimone anche delle sofferenze e delle malattie di s. Francesco. Durante il soggiorno nel 1225, un anno prima della morte, Francesco fu convinto da frate Elia a lasciarsi operare agli occhi per una grave malattia che aveva contratto in Terra Santa. Il cauterio lo attendeva. I frati fuggirono dalla stanza impressionati, mentre il medico affondava il ferro rovente dagli occhi fino alle orecchie. Si narra che Francesco non sentì dolore.

La Chiesa
Notevole è l’affresco della lunetta del portale del XV sec., che rappresenta al centro la Madonna con il Bam­bino ed ai lati s. Francesco e s. Lu­dovico di Tolosa. La chiesa fu costruita nella seconda metà del XIII sec., ingrandita nel XV, consacrata nel 1450 e dedicata a s. Francesco e a s. Bernardino da Siena.

Subito a destra notiamo una scultura lignea del XVII sec., s. Francesco in meditazione ai piedi del Crocifisso. Poco oltre un’altra scultura rappresenta l’approvazione della Regola da parte di Cristo stesso, opera è di fra Giovanni da Pisa (1645).

Dietro l’altare, originale del sec. XV, il coro ligneo usato dai Frati per la preghiera in co­mune.
Una copia ingrandita del testo della Regola e una Madonna col Bambino della scuola di Antoniazzo Romano (sec. XV) recentemente restaurata, riempiono la parete sinistra.

Le vetrate, del Picchiarini su disegno di Duilio Cambellotti (1926), rappresentano episodi della vita di s. Francesco.

Il Santuario
Usciamo dalla chiesa, oltrepassando un cancello a sinistra, scendiamo. A destra incontriamo il romitorio abitato da s. Francesco e dai suoi primi compagni, il luogo dove il Santo subì l’operazione agli occhi, e l’antico Convento del XV sec.

Di fronte, subito dopo, la Cappella della Madonna detta comunemente della Madda­le­na, già esistente al tempo di s. Francesco. Nell’angolo della finestra di sinistra il Tau segnato da s. Francesco. Il Tau, già segno biblico di redenzione, è ri­preso da s. Francesco come suo sigillo. Vi ve­deva la croce di Cristo.

Il Sacro Speco
Per una ripida scalinata si giunge al Sacro Speco, dove s. Francesco ricevette, se­condo la tradizione, la Regola dei Frati Minori.
Ci si trova davanti alla Cappella di s. Mi­chele, l’Arcangelo tanto venerato dal Santo. Continuando la discesa, si entra in una fenditura della roccia dove s. Francesco si im­mergeva nella intimità con Dio. Risalendo, arriviamo al luogo del leccio do­ve, secondo la tradizione, apparve Nostro Si­gnore per confermare la Regola.

Il Chiostro
Esso si mostra irregolare nella forma: collega infatti i vari ambienti della vita comunitaria dei frati, ambienti sviluppatisi in epoche diverse. Sul lato più alto della costruzione riconosciamo una sezione lasciata a pietre a “facciavista”: si tratta dell’antica casa colonica che s. Francesco trovò sul Monte Rainiero, insieme alla cappella della Madonna e al Romitorio.